RIPARTONO LE ASSUNZIONI A SCUOLA

Dal Mef una buona notizia: presto 53.000 docenti verranno assunti nelle nostre scuole! Dobbiamo proseguire su questa strada, per migliorare il reclutamento del personale valorizzando il ruolo dei concorsi e sottraendo migliaia di insegnanti dalla morsa del precariato.

C’è ancora tanto da fare, per esempio assumere anche sui posti di Quota 100, e non vediamo l’ora di farlo!

Lorefice (M5S): “Il Governo stanzia 50 milioni per contrastare la dispersione scolastica. Tra i beneficiari 9 comuni della provincia di Ragusa”

      “Il Governo interviene nella lotta alla povertà educativa minorile e nel contrasto alla dispersione scolastica, stanziando 50 milioni di euro a favore di oltre 1000 scuole collocate in 292 aree del territorio nazionale considerate più a rischio. Le aree sono state individuate con un decreto interministeriale firmato dai ministri della Giustizia Alfonso Bonafede, dell’Istruzione dell’università e della ricerca Marco Bussetti e dell’Interno Matteo Salvini.”


      E’ quanto riferisce in una nota la presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Marialucia Lorefice (M5S), che spiega: “A beneficiare del contributo saranno 95 comuni siciliani, tra i quali in provincia di RagusaIspica, Acate, Chiaromonte Gulfi, Comiso, Modica, Pozzallo, Santa Croce Camerina, Scicli e Vittoria.

Le aree prescelte sono state selezionate in base a criteri quali: il tasso di deprivazione territoriale, il livello di disagio negli apprendimenti, lo status socio-economico delle famiglie di origine, il tasso di abbandono nel corso dell’ultimo anno scolastico, la presenza di alunni ripetenti, nonché i livelli di criminalità minorile.


       Attraverso le risorse stanziate con il PON Scuola 2014-2020 gli istituti scolastici potranno attivare progetti con reti di enti locali, soggetti del terzo settore, strutture territoriali del CONI, delle Federazioni sportive nazionali e degli enti di promozione sportiva o servizi educativi pubblici per l’infanzia.


       Mi auguro -sottolinea la parlamentare- che attraverso questi interventi si possa lavorare per il potenziamento e la valorizzazione delle competenze e delle attitudini degli studenti, disincentivando l’abbandono scolastico. Nei territori più difficili, ad alto rischio povertà, la scuola resta un presidio fondamentale per la crescita e l’educazione dei giovani. Rafforzare il legame tra le istituzioni scolastiche e i giovani -conclude la Lorefice- rappresenta uno strumento necessario per evitare che questi ultimi diventino facili prede del mondo dell’illegalità e della criminalità”.

Scuola, il Governo mira alla cancellazione delle ‘classi pollaio’ e ad incrementare il tempo pieno nel Meridione

“Ascolto e confronto afferma la presidente della Commissione Affari Sociali alla Camera, on. Marialucia Lorefice-, è questo che che facciamo nei fine settimana quanto ritorniamo sui territori, sulle tematiche più diverse, ma tutte ugualmente importanti.

Oggi e domani incontrerò degli insegnanti. Ascolterò le loro istanze e le sottoporrò ai colleghi delle commissioni di merito, i quali, insieme al governo, sono al lavoro per dare soluzioni.

Tra le misure che il M5S sta portando avanti c’è il tempo pieno al sud e la cancellazione delle cosiddette ‘classi pollaio’.

Questi sono due degli obiettivi della prossima legge di bilancio”.

Scuola: dopo tilt del sito Miur serve proroga su scelta sedi

Scelta sedi scolastiche impossibile con il sito Miur in tilt. Il M5S chiede al Ministro all’Istruzione una proroga

Scuola. Il M5S chiede  al Ministro dell’Istruzione proroga per l’inserimento delle sedi scolastiche scelte dato che il sito internet del Miur è in tilt 

“Chiediamo al ministro dell’Istruzione se intenda prorogare la data di scadenza prevista per la scelta delle sedi scolastiche al fine di permettere a tutti gli interessati la presentazione del modulo B. L’ istanza per la scelta delle sedi è stata avviata il 14 luglio 2017 e scade il 25 luglio 2017 ma dal momento che, a quanto si apprende da fonti di stampa, il sito internet del Miur è in tilt e non permette, nella maggior parte dei casi, l’inserimento delle scelte riteniamo che si renda necessaria una proroga”.

Così i parlamentari del M5s in commissione Cultura di Camera e Senato in un’interrogazione a prima firma Gianluca Vacca.

“Questa non è la prima che un servizio on line del Ministero dell’Istruzione va in tilt. Accadde ad esempio nel gennaio 2013 in occasione dell’obbligo di iscrizione on line nelle scuole statali per tutti gli studenti. Nonostante la notizia sul tilt del sito internet per presentare le istanze on line sia esplosa solo il 18 luglio 2018, già dal 14 luglio si riscontravano notevoli problemi per il completamento delle istanze per cui, con molta probabilità, molti iscritti non riusciranno comunque a completare l’istanza. Si tratta di unatto di buonsenso da parte del Ministero al quale si chiede anche di compiere un approfondimento rispetto all’accaduto, al fine di garantire che il servizio informatico di cui è dotato non torni a creare problemi a migliaia di cittadini”.

 

 

Fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamento/2017/07/scuola-dopo-tilt-del-sito-miur-serve-proroga-su-scelta-sedi.html

La deputata Lorefice sollecita immediati interventi di ripristino dei riscaldamenti nelle scuole del ragusano

«In seguito a diverse segnalazioni riguardanti la mancanza di riscaldamento in alcune scuole della provincia, che stanno creando inevitabili disagi al personale scolastico tutto e agli studenti -afferma la Capogruppo M5S Commissione Affari Sociali, Marialucia Lorefice- abbiamo ritenuto opportuno chiedere i dovuti chiarimenti agli organi di competenza che ci hanno assicurato che si tratta, nella maggior parte dei casi, di guasti ai quali verrà posto rimedio in tempi brevi. Auspichiamo tali lavori avvengano tempestivamente così da garantire il ripristino del corretto svolgimento delle attività didattiche».

Valentina Maci   Odg 153453

Marialucia Lorefice: «Due mesi di scuola assicurati ai disabili. Speriamo di non rivedere più le famiglie in piazza»

     «Come sempre le notizie arrivano dopo aver messo alle strette le famiglie, aver rivisto in piazza gli studenti disabili e i loro genitori -chiosa la parlamentare Marialucia Lorefice-. Ogni cosa diventa per loro una lotta, anche quello che è un diritto. Due mesi di scuola assicurati, tolti i tempi tecnici e le vacanze di Natale, sono un sospiro di sollievo per le famiglie non certo una sicurezza per il futuro. Servirebbe un minimo di programmazione visto che il problema si ripresenta tale e quale ogni anno.
Un nuovo anno scolastico, una nuova manifestazione. Il 2017 è ancora un’incognita. Sarebbe importante -aggiunge la Capogruppo M5S Commissione Affari Sociali, trovare una soluzione definitiva, questo dovrebbero fare Regione siciliana e Stato. I diritti prima di tutto.
Dobbiamo essere ottimisti ha detto giustamente il prefetto. Ci stanno provando le famiglie. È chiaro che vigileremo -conclude- affinché le promesse fatte siano mantenute, affinché gennaio non sia un’altra barriera da abbattere».

Valentina Maci Odg 153453

Ufficio stampa deputata Marialucia Lorefice, portavoce M5S presso la Camera dei Deputati, Capogruppo XII Commissione Affari Sociali; membro Commissione d’Inchiesta Sistema d’Accoglienza e di Identificazione, nonché sulle condizioni di trattamento dei Migranti nei Centri di Accoglienza, di Identificazione ed Espulsione.

Fb: https://www.facebook.com/Marialucia-Lorefice-Cittadina-a-5-Stelle-193464954111206/?fref=ts
Twitter: @Mlucialorefice