Ragusa, weekend a Cinque Stelle in provincia

 

Settimane intense per il Movimento Cinque Stelle che sarà impegnato nei prossimi weekend a Scicli, Ispica e Pozzallo

 

Nei prossimi fine settimana si terranno tre interessanti incontri in provincia di Ragusa.

Eccoli:
#Scicli, evento #M5S “Autorecupero immobili abbandonati”. Si terrà sabato 1 Aprile, alle 18:00, m5spresso l’Opera Pia Carpentieri (via Francesco Mormina Penna) https://www.facebook.com/events/239659863162252/

#Ispica, evento #M5S, “NON TI AZZARDARE. Incontro pubblico sul gioco d’azzardo patologico”. Sabato 8 Aprile, ore 18:00, presso il Convento Santa Maria del Gesù (via Roma, 116) cropped-cropped-cropped-nuovo-logo-m5s2.pnghttps://www.facebook.com/events/793911694109620/

#Pozzallo, evento #M5S, presentazione del nuovo libro di Alessandro Cacciato “Il petrolio? Meglio sotto terra. Come e perché usare l’energia solare per risparmiare sulle bollette di gas e luce”. Sabato 8 Aprile, ore 18:00, Spazio cultura Meno Assenza https://www.facebook.com/events/131415487389899/

Ruoli Consorzio di Bonifica n.8: “Il M5S presenterà lunedì all’Ars due emendamenti in favore degli agricoltori”

Si è  svolto questo pomeriggio, a Ragusa, l’incontro tra i sindaci di Acate, Comiso, Pozzallo, Santa Croce e Ispica, il direttore del Consorzio n. 8 Cosentini e la deputazione, le associazioni di categoria. Oggetto le bollette con rincari fino al 400% inviate dal Consorzio agli agricoltori dopo l’aut aut della Regione che sta abbandonando pian piano la bonifica siciliana. Vanessa Ferreri, Portavoce 5 Stelle all’Ars, presenterà lunedì stesso due emendamenti. Crediamo che questa battaglia vada combattuta a fianco degli agricoltori al di fuori di ogni colore politico.

 

Leggi l’articolo sul quotidiano “La Sicilia” di oggi, edizione Ragusa

A seguire troverai la galleria fotografica dell’incontro

 

img_2969

FullSizeRender.jpg

CARRUBI E ZUCCHINE, LOREFICE: «IL GOVERNO INTERVENGA PER SALVAGUARDARE AGRICOLTORI, COLTIVAZIONI E PAESAGGIO»

carrubo-malato

 

La parlamentare del M5S, Marialucia Lorefice, interviene in favore della salvaguardia dei carrubi e delle zucchine del territorio ragusano. Dopo l’infestazione di entrambi i tipi di coltivazione da parte di due distinte problematiche, egualmente pericolose per l’agricoltura del luogo, il M5S chiede che il Governo dia risposte immediate.

«Con l’interrogazione rivolta ai Ministeri delle Politiche Agricole, dell’Ambiente, dell’Economia -afferma la Capogruppo Affari Sociali del M5S- chiediamo se sia stato identificato e/o avviato l’iter per individuare il virus che sta distruggendo le coltivazioni di zucchine nel territorio ibleo. Chiediamo, inoltre, quali misure si intenda intraprendere per bloccare immediatamente la grave infestazione che sta mietendo distruzione tra gli alberi di carrubo, caratteristica oltre che agricola anche paesaggistica del territorio ibleo. Preme in assoluto che il Governo intervenga, attraverso i Ministeri di competenza, al fine di evitare che vengano compromesse anche altre coltivazioni, al momento solo parzialmente interessate.

È indispensabile -dice la Lorefice- che si attivi una task force che riesca a porre in essere rilievi e azioni immediate in risposta a tutti gli operatori del settore agricolo ragusano fortemente provati da questo grave fenomeno, nonché a tutela del paesaggio siciliano. Altissima l’attenzione -conclude la parlamentare- del M5S Ispica che intraprenderà iniziative volte a sensibilizzare cittadini, operatori e istituzioni competenti».

Valentina Maci Odg 153453

 

Marialucia Lorefice: «I servizi ai disabili nel ragusano? Una fiction drammatica. Disomogenei e a singhiozzo come sempre. Basta prese in giro»

«Nella ‘fiction’ del trasporto e dell’assistenza agli studenti disabili degli istituti superiori del Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa manca una puntata molto importante: Quella in cui la politica fa mea culpa per non aver fatto chiarezza sulla situazione gravissima. Certo è compito della politica impegnarsi a portare avanti le istanze dei cittadini così come è compito del Governo e della Regione fare chiarezza e dire alle famiglie, senza mezzi termini, che non è una situazione che si sbloccherà facilmente e che a parte il libro dei sogni, purtroppo, chi di competenza non ha tenuto in debito conto le loro necessità. Inutile creare false illusioni, i nostri giovani studenti non ne hanno bisogno e neppure i loro familiari. Anzi, in situazioni così delicate e complesse da gestire avrebbero bisogno di certezze. Arrivo subito al punto.
Per quanto riguarda la Sicilia già l’anno scorso i problemi erano sotto gli occhi di tutti quando invece di 30 milioni di euro ne sono arrivati solo 5 e qualche spicciolo. Si aggiunga che il contributo statale di 10 milioni di euro si è ridotto a poco meno di 2 milioni di euro. Cifra da dividere a tutte le province siciliane. L’equivalente di quanto il Libero Consorzio di Ragusa spende da solo. Un’elemosina.

Ci sono stati tavoli di concertazione, anche con le associazioni, manifestazioni, polemiche e false promesse. La realtà però è questa. Dopo aver interessato il Sottosegretario alle Politiche sociali, onorevole Franca Biondelli, anche il Miur ha risposto alla nostra mail del 3 agosto scorso. Peccato non si abbiano risposte sul perché la Sicilia e altre poche regioni sono state escluse dal riparto dei fondi della Legge di Stabilità 2016. Dalla risposta del Miur emerge, se possibile più evidente, la disomogeneità dei servizi ai disabili italiani ‘grazie’ anche al ‘libero arbitrio’ delle Regioni.

Scacco matto alle famiglie, purtroppo, ancora una volta truffate e in attesa di qualcosa che probabilmente non arriverà o se lo farà sarà a singhiozzo, come sempre».

Valentina Maci Odg 153453

Marina di Ragusa: “Inaugurata la pista ciclabile”

Fonte: Meridionews
http://meridionews.it/articolo/45226/ragusa-inaugurata-la-pista-ciclabile-sul-mare-in-spiaggia-anche-7-docce-e-5-bagni-autopulenti/

Taglio del nastro per i due chilometri riservati a bici e pedoni, costati 250mila euro. Un anno fa la sperimentazione, solo con segnaletica orizzontale. «I cittadini hanno risposto bene: c’è stato un calo del traffico e il decongestionamento dei parcheggi», spiega l’assessore Corallo. Quindi si è passati alla fase due.

La pista ciclabile sul mare a Ragusa viene inaugurata ufficialmente oggi pomeriggio. Due chilometri realizzati con 250mila euro e che dotano il capoluogo ibleo del primo percorso riservato esclusivamente a bici e pedoni. Su uno dei tratti di costa più belli della Sicilia. Una promessa della giunta a Cinque stelle del sindaco Federico Piccitto, sin dalla campagna elettorale.

«Era un nostro obiettivo da sempre – commenta l’assessore ai lavori pubblici Salvatore Corallo – ma abbiamo fatto le cose gradualmente per capire come avrebbe reagito la cittadinanza, se era davvero un’opera gradita». Così l’anno scorso è stata avviata una sperimentazione, delimitando la carreggiata esistente attraverso la semplice segnaletica orizzontale. Un intervento a costo zero che, però, ha dato una prova di quello che sarebbe potuto essere. «Già in quella prima fase abbiamo modificato radicalmente la viabilità di Marina di Ragusa – sottolinea Corallo – c’era il rischio di creare disagi, invece i cittadini hanno risposto bene: abbiamo notato un calo del traffico delle auto e il decongestionamento dei parcheggi».

Così si è passati alla fase due: con 250mila euro ritagliati dal bilancio comunale, la ciclabile da due chilometri ha visto la luce: sono stati sostituiti i tratti di asfalto danneggiati, è stato posto un cordolo di 50 centimetri e realizzato un apposito tappetino in resina. «Adesso ci sono due corsie per le bici e una per i pedoni – continua l’assessore – chi vorrà, potrà arrivare a Marina di Ragusa senza auto, provenendo da Casuzze o Santa Croce Camerina. Sia di giorno, che di notte in tutta sicurezza». Nell’ultimo anno sulla spiaggia iblea sono state collocate sette docce, e recentemente sono stati aggiunti cinque bagni autopulenti che potranno essere usati dai bagnanti, anche disabili.

Qualche settimana fa un improvviso acquazzone ha provocato, proprio lungo la pista ciclabile, l’otturamento di un tombino che è saltato provocando lievi danni al manto stradale. Episodio, inizialmente utilizzato dalle opposizioni per criticare i lavori alla ciclabile, che però è stato risolto dopo pochi giorni.

Commissione Cara-Cie a Pozzallo. Lorefice: È emergenza minori

 

“Dall’ispezione all’hot spot di Pozzallo e dalle audizioni presso la Prefettura di Ragusa si delinea chiaramente un quadro molto vasto per quanto concerne l’accoglienza dei migranti, in particolare dei minori. Da una parte c’è la città di Pozzallo che nonostante tutte le difficoltà dimostra di essere profondamente votata all’accoglienza e di non essersi mai sottratta al senso del dovere, con un senso di solidarietà dal quale tutti possiamo solo imparare. Dall’altra parte, però, troviamo gli inevitabili problemi legati alle emergenze e ai numeri consistenti dei migranti che periodicamente sbarcano sulle nostre coste. Durante la nostra ispezione abbiamo rilevato delle carenze strutturali di cui chi di competenza dovrà farsi rapidamente carico. Uno dei problemi principali è quello dei minori stranieri non accompagnati e delle difficoltà di riuscire a ricollocarli rapidamente in strutture idonee. Ritengo che compito delle istituzioni sia quello di farsi da tramite tra le realtà che vediamo, ad esempio durante le nostre ispezioni, ed il Parlamento che è chiamato a legiferare e trovare delle soluzioni che possano permettere a sindaci e prefetture di trovare subito delle risposte a situazioni di criticità per le quali c’è bisogno anche di interventi normativi”

Marialucia Lorefice

 

Per saperne di più

http://www.videomediterraneo.it/notizie/attualita/21034-ragusa-accoglienza-migranti-bocciato-hotspot.html

 

(Dal minuto 3.20) http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-f9fb1cb6-573a-4018-9d55-e41a181ae733.html