Autostrada Sr-Gela tratto Rosolini-Modica, Lorefice e Ficara (M5S) incontrano la Cna Ispica

Si è tenuto presso la sede comunale della Cna di Ispica un incontro tra le imprese sub appaltatrici e fornitrici del tratto autostradale Rosolini Modica e i parlamentari MariaLucia Lorefice e Paolo Ficara componente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. L’incontro è servito per rappresentare la stato attuale della opera.

I lavori della Rosolini-Modica, sono ripartiti dopo due anni ma ancora lentamente. Occorre fare tutti gli sforzi necessari per arrivare a pieno regime. Le imprese rappresentate dalla Cna di Ragusa e Siracusa hanno posto ai parlamentari problematiche importanti che destano preoccupazioni.

“Non è giusto che le Imprese sub-appaltatrici e fornitrici abbiano dovuto rinunciare alla metà di quanto maturato a seguito dell’interruzione dei lavori dovuta al default di Condotte Spa. Ed è ancora meno giusto dopo che con il Decreto Crescita, in casi analoghi sparsi in tutta Italia, per le piccole Imprese coinvolte nel fallimento delle grandi aziende di costruzioni è stata trovata una soluzione che salvaguarda le spettanze maturate”, il punto di vista delle imprese.

Ecco perché la Cna e le imprese chiedono con forza al Governo Nazionale e a quello Regionale, se sia possibile trovare una soluzione che parifichi la condizione delle 30 Imprese creditrici del Cosige a quella di tutte le altre Imprese italiane coinvolte in situazioni del tutto simili.

“Non si può non sottolineare il senso di responsabilità delle imprese che hanno accettato l’atto di transazione, sulla base di un incontro in prefettura il 24 gennaio alla presenza dell’assessore Falcone e e del direttore generale del Cas, perdendo il 50 per cento circa dei crediti vantati pur di consentire la ripartenza dell’opera” affermano i due parlamentari. Continuano Ficara e Lorefice: “il completamento del tratto ragusano della Siracusa Gela è fattore strategico di mobilità e sviluppo per le due province e per la Sicilia Orientale. La Regione e il Governo rispettivamente per le proprie competenze devono trovare soluzioni urgenti e straordinarie per accelerare i lavori in corso rispettando i tempi di marcia e trovare una risposta al grido di allarme delle imprese che devono ricevere le spettanze dovute. Infine le imprese hanno evidenziato anche il problema ambientale che si è venuto a creare a seguito del lungo blocco dei lavori con tantissimi disagi su tutto il territorio interessato dai lavori”.

Siracusa-Gela, Lorefice e Ficara (M5S): “Il Ministero ha fatto la sua parte. Adesso tocca alla Regione”

“Ci piacerebbe poter condividere lo stesso ottimismo dell’assessore Falcone. Per l’avvio dei cantieri della Siracusa-Gela arriva ora la parte più difficile per la Regione”, affermano i parlamentari nazionali del M5s, Paolo Ficara e Marialucia Lorefice. Ficara, componente della Commissione Trasporti della Camera, e Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali, spiegano come “tramite il Cas, la Regione dovrà ora assicurare il pagamento dei tanti crediti vantati dalle ditte impegnate. Qui a Roma, il Ministero dello Sviluppo Economico guidato da Luigi Di Maio, ha dato il via libera per il passaggio di consegne tra la Condotte spa, terza società di costruzioni in Italia al momento commissariata, e la Cosedil, che con Condotte si era aggiudicata l’appalto in associazione di imprese, garantendo così la prosecuzione dei lavori dell’importante infrastruttura”. Poi, rivolti all’assessore regionale Falcone, Ficara e Lorefice “in punta di piedi” suggeriscono “meno sopralluoghi e più studio delle carte e delle procedure. Curioso poi parli di pressing continuo della Regione visto che fino ad inizio dicembre il Ministero attendeva ancora le comunicazioni del Cas. Arrivate dopo solleciti, anche nostri, hanno permesso ai tecnici ministeriali di predisporre in un paio di settimane il nulla osta al subentro ed alla ripresa dei lavori”.

Per Paolo Ficara e Marialucia Lorefice, la Siracusa-Gela “non può continuare ad essere materia di scontro politico tra Palermo e Roma o continua promessa tra una elezione e l’altra. Dobbiamo, tutti, mostrare concretezza. Meno proclami, invitiamo l’assessore Falcone all’inaugurazione dei lotti in costruzione per stringergli, in quella occasione, la mano”.

Rg-Ct e viadotto Petraro, Lorefice e Ficara: “Alta l’attenzione per la sicurezza e per la realizzazione di un’infrastruttura indispensabile”. Ieri il Ministro per il Sud ha incontrato i sindaci

“Nel pomeriggio di ieri -evidenziano i parlamentari della Camera dei Deputati, Marialucia Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali, e Paolo Ficara della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni- si é tenuto un nuovo incontro tra il Ministro per il Sud Barbara Lezzi e i sindaci del territorio. Al centro dell’incontro le difficoltà sull’avvio dei cantieri per la realizzazione della superstrada Ragusa-Catania, infrastruttura viaria attesa da circa 20 anni che, insieme al completamento dell’autostrada Siracusa-Gela (quest’ultima attesa da circa 50 anni), permetterebbe il rilancio di tutto il territorio del sud-est siciliano.”

Al tavolo erano presenti anche la Regione Siciliana, il Ministero dei Trasporti, l’Agenzia per la Coesione territoriale e la società concessionaria Sarc Srl, incaricata dal 2014 della realizzazione dell’opera.

“L’ennesimo incontro in pochi mesi a testimonianza -sottolineano Lorefice e Ficara- che si vogliono davvero superare gli ostacoli alla realizzazione dell’opera e individuare le possibili soluzioni. In particolare è stata affrontata la questione del pedaggio e della sua sostenibilità socio/economica in rapporto al territorio, cercando di intervenire al fine di limitare l’impatto economico della tariffa, specie per le categorie meritevoli di sostegno (studenti, pendolari, lavoratori in genere).”

“Un intervento di potenziamento e modernizzazione dell’asse viario è ormai necessario -concludono i due parlamentari-, tenuto conto peraltro delle condizioni critiche dell’attuale strada, e dei suoi viadotti, realizzati negli anni 60 del secolo scorso. Proprio in questi giorni é scattato l’allarme in merito al viadotto Petraro, sulle cui condizioni é intervenuta l’Anas assicurando che il viadotto è sotto costante monitoraggio. Insieme ai portavoce del territorio e i colleghi deputati continueremo a mantenere alta l’attenzione”.

Valentina Maci Odg 153453

Addetto stampa On. Marialucia Lorefice, portavoce M5S presso la Camera dei Deputati,

Presidente XII Commissione Affari Sociali

Infrastrutture Sud-Est Sicilia e Siracusa-Gela, Lorefice e Ficara: “15 milioni di euro dal Mise. Gettate le basi per importanti progetti”

Il Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio ha firmato ieri al MISE tre Accordi di Programma per l’attuazione dei progetti di riconversione e riqualificazione delle aree di crisi industriale complessa. Una di queste aree è quella di Gela, e di tutto il territorio del sud-est siciliano. 

 

Così i parlamentari Marialucia Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali presso la Camera dei Deputati, e Paolo Ficara, IX Commissione Trasporti Poste e Telecomunicazioni alla Camera: 

 

“L’accordo sottoscritto  per il quale il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, ha previsto un finanziamento di 15 milioni di euro ha l’obiettivo di potenziare la dotazione infrastrutturale dell’area, rafforzare il tessuto produttivo esistente e lo sviluppo della logistica, attrarre nuovi investimenti finalizzati alla diversificazione produttiva e alla realizzazione di nuovi progetti imprenditoriali. Ai fondi del Mise si aggiungono, per la prima fase progettuale, 10 milioni di euro della Regione Siciliana, per un totale di 25 milioni di euro.” 

 

“Ciò passa –sottolineano Lorefice  e Ficara-  attraverso la riqualificazione e la reindustrializzazione dei siti produttivi esistenti, il rilancio del porto di Gela, gli investimenti in opere infrastrutturali, come il completamento dell’autostrada Siracusa-Gela. Un’opera che il territorio aspetta dagli anni Settanta, infrastruttura importante per le province di Ragusa e Siracusa perché consentirebbe di collegare i due capoluoghi di provincia della zona sud orientale dell’Isola, snellire ed agevolare il traffico complementare alla futura Ragusa-Catania. Per quest’ultima manca però l’erogazione, indispensabile, di fondi da parte del Consorzio autostrade siciliane (Cas) da una parte e dall’altra ci sono da risolvere le vicende giudiziarie che hanno riguardato una delle ditte appaltanti.”

 

“Grazie all’accordo –concludono i parlamentari del M5S- sottoscritto il Governo nazionale si è impegnato a finanziare il terzo lotto mancante (da Scicli a Gela). È fondamentale a questo punto che la Regione faccia la sua parte mettendo in atto tutte le iniziative possibili affinché riprendano i lavori per il completamento del secondo tronco (da Rosolini a Scicli).”


Valentina Maci Odg 153453
Ufficio Stampa On. Lorefice

Blitz deputati M5S in cantieri autostrada Siracusa Gela

Blitz dei parlamentari regionali e nazionali del M5s nei cantieri dell’autostrada Siracusa-Gela, nel tratto che da Rosolini conduce a Modica, dove i lavori sono fermi da tempo per ragioni che riguardano da un lato la mancata erogazione di fondi da parte del Consorzio autostrade siciliane (Cas) e dall’altro le vicende giudiziarie che hanno riguardato una delle ditte appaltante.

“Nonostante le rassicurazioni del Governo regionale che ha assicurato, più volte, la ripresa degl interventi e cioè che i lavori fossero ripartiti mesi addietro – dicono i deputati regionali del M5S Stefania Campo e Stefano Zito, che annunciano una richiesta di accesso agli atti sullo stato dell’arte dell’opera – Abbiamo svolto un sopralluogo constatando che i lavori erano fermi. Chiediamo al Governo regionale di fare chiarezza, individuando anche soluzioni alternative per una ripresa reale e per evitare che lo stop ai lavori trasformi l’opera nell’ennesima incompiuta”.

“L’opera ha sventrato il territorio – proseguono i parlamentari – Si tratta di una delle infrastrutture più importanti per le città di Siracusa e Ragusa perché consentirebbe di collegare i due capoluoghi di provincia della zona sud dell’isola e di snellire ed agevolare il traffico complementare alla futura Ragusa-Catania. Vogliamo conoscere i dettagli degli interventi fatti finora e continueremo ad accendere i riflettori su quest’opera fondamentale per la Sicilia Orientale”.

“Prendiamo atto comunque che nei cantieri non siamo riusciti a scorgere alcun tipo di movimentazione lavori che possa configurare la ripresa di cui ha parlato l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone – concludono –  nella sua replica durante la discussione della nostra ultima mozione su questa vicenda. Auspichiamo, pertanto, serietà e concretezza, non siamo disposti ad ascoltare altri sterili annunci”.

I deputati nazionali del M5S Paolo Ficara, Marialucia Lorefice, Filippo Scerra Maria Marzana, Simona Suriano e Pino Pisani aggiungono: “Ci attiveremo a livello nazionale per valutare ogni possibile soluzione con i ministeri competenti finalizzata alla ripresa il prima possibile dei lavori di un’infrastruttura fondamentale, importantissima e strategica per tutto il territorio della Sicilia Sud Orientale”.

Comunicato stampa

Gruppo parlamentare M5S ARS

Ufficio Stampa Chiara Giarrusso

Autostrada Siracusa-Gela, Dep. Lorefice: “Il Governo deve delle risposte immediate. A rischio il futuro di tante famiglie”

Stamani la deputata nazionale Marialucia Lorefice ha preso parte al sit in organizzato da sindacati e lavoratori per l’autostrada Siracusa-Gela.

“Il nostro impegno -evidenzia Marialucia Lorefice, deputata nazionale M5S, è stato sempre costante per trovare una soluzione definitiva al problema che è sia di ordine economico sia sociale. In ballo c’è il futuro di tante ditte, di tanti dipendenti e di tante famiglie che hanno bisogno di certezze per il proprio presente. Se non si riescono ad utilizzare i Fondi europei stanziati sarà impossibile ottenere i rinnovi. A questo punto bisogna trovare delle vie alternative che permettano di completare l’autostrada e dare risposte alle tante ditte che devono ricevere soldi arretrati e, quindi, dare sollievo al territorio. Noi non siamo mai stati con le mani in mano, abbiamo sempre chiesto risposte. Purtroppo però -chiosa la Lorefice- il Governo regionale è trincerato nel silenzio delle sue stanze e non dà alcuna risposta. Risposte fondamentali per il territorio. Passano i mesi e nessuno riesce a dire che fine farà l’autostrada e quale sarà il destino di tante famiglie. Noi non molliamo, saremo sempre vicini alle ditte e ai lavoratori, sempre accanto ai cittadini che hanno il diritto di veder completata l’autostrada. Infrastruttura indispensabile per l’intera provincia”.