La settimana in Parlamento. Il Ministro della Salute Grillo presenta le linee programmatiche alle commissioni Sanità e Affari sociali

8 luglio – L’audizione è calendarizzata per giovedì pomeriggio. Proseguono in Affari sociali le audizioni nell’ambito del Dlgs di correzione del codice del Terzo settore. In commissione anche le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del Ministero della salute. Prevista anche audizione del Ministro Di Maio su linee programmatiche suoi Ministeri (Lavoro e Sviluppo economico).

La Camera dei deputati riapre lunedì per la discussione generale della proposta di legge C. 85-A e abb. – Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti. La settimana proseguirà poi con il dibattito sul disegno di legge C. 764 – decreto-legge 73/2018 – Misure urgenti e indifferibili per assicurare il regolare e ordinato svolgimento dei procedimenti e dei processi penali nel periodo necessario a consentire interventi di edilizia giudiziaria per il Tribunale di Bari e la Procura della Repubblica. In calendario previsto anche il dibattito (ove conclusa dalla Commissione) sulla proposta di legge C. 513 e abb. – Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere

Martedì 10 luglio, alle ore 11.30, avranno luogo interpellanze e interrogazioni. Mercoledì 11 luglio, alle ore 15, ci sarà il Question time. Venerdì 13 luglio, alle ore 9.30, avranno luogo interpellanze urgenti.

L’Aula del Senato riapre invece martedì. In calendario la discussione sulla mozione n.3 per l’istituzione di una Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani. Mercoledì 11 si terranno le interpellanze e le interrogazioni. Interrogazioni a risposta immediata, invece si svolgeranno giovedì 12.

Nel corso della settimana la Commissione Affari sociali proseguirà l’esame dello Schema di decreto legislativo concernente disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, recante codice del Terzo settore (Atto n. 33 – rel. Trizzino, M5S), nell’ambito del quale svolgerà le audizioni informali di rappresentanti della Conferenza delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, della Croce rossa italiana, di Alleanza delle cooperative italiane, del Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, della Conferenza permanente delle associazioni, federazioni e reti di volontariato (ConVol) e del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (CNSAS).

Martedì invece ci saranno le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del Ministero della salute.

Giovedì alle ore 17 le Commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato svolgeranno l’audizione della Ministra della salute, Giulia Grillo, sulle linee programmatiche del suo dicastero.

Le Commissioni riunite X Attività produttive, XI lavoro e XII Affari sociali della Camera svolgeranno l’audizione del Ministro dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali, Luigi Di Maio, sulle linee programmatiche dei suoi dicasteri.

Fonte: http://www.quotidianosanita.it/m/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=63679

Mineo:”Il Centro va chiuso”

“Dopo la visita di ieri e le audizioni di questa mattina siamo ancora più convinti che il Centro d’accoglienza di Mineo debba essere immediatamente chiuso in quanto fucina di illegalità.

Si spazia dalla tratta allo spaccio, dai danni erariali alla turbativa d’asta, dalle infiltrazioni mafiose alla violazione dei diritti dei migranti. Reati che coinvolgerebbero a vario titolo soggetti di diverso genere, tra i quali vi sarebbero anche alcuni esponenti politici. Un vero e proprio vespaio che c’è stato ed è oggetto di indagini delle procure di Catania, Caltagirone e Palermo, ma che continuerà a proliferare qualora il centro continuasse ad insistere sul territorio.

Alla luce di tutto questo, preoccupa enormemente l’idea di trasformare una parte del centro in hotspot.

La situazione del centro di Mineo è forse la più emblematica rispetto alla incapacità o, in alternativa, alla malelafede da parte di alcuni soggetti governativi che probabilmente, in maniera diretta o indiretta, ne traggono vantaggio.

Proponiamo pertanto la predisposizione delle misure opportune al fine di dismettere il centro quanto prima e ripristinare una situazione di normalità nel territorio calatino”.

Vega Colonnese Giuseppe Brescia

Commissione Cara-Cie a Pozzallo. Lorefice: È emergenza minori

 

“Dall’ispezione all’hot spot di Pozzallo e dalle audizioni presso la Prefettura di Ragusa si delinea chiaramente un quadro molto vasto per quanto concerne l’accoglienza dei migranti, in particolare dei minori. Da una parte c’è la città di Pozzallo che nonostante tutte le difficoltà dimostra di essere profondamente votata all’accoglienza e di non essersi mai sottratta al senso del dovere, con un senso di solidarietà dal quale tutti possiamo solo imparare. Dall’altra parte, però, troviamo gli inevitabili problemi legati alle emergenze e ai numeri consistenti dei migranti che periodicamente sbarcano sulle nostre coste. Durante la nostra ispezione abbiamo rilevato delle carenze strutturali di cui chi di competenza dovrà farsi rapidamente carico. Uno dei problemi principali è quello dei minori stranieri non accompagnati e delle difficoltà di riuscire a ricollocarli rapidamente in strutture idonee. Ritengo che compito delle istituzioni sia quello di farsi da tramite tra le realtà che vediamo, ad esempio durante le nostre ispezioni, ed il Parlamento che è chiamato a legiferare e trovare delle soluzioni che possano permettere a sindaci e prefetture di trovare subito delle risposte a situazioni di criticità per le quali c’è bisogno anche di interventi normativi”

Marialucia Lorefice

 

Per saperne di più

http://www.videomediterraneo.it/notizie/attualita/21034-ragusa-accoglienza-migranti-bocciato-hotspot.html

 

(Dal minuto 3.20) http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-f9fb1cb6-573a-4018-9d55-e41a181ae733.html