SCICLI , CONSIGLIO APERTO SU CRISI AGRICOLA -Guarda il video di Nove Tv con le interviste

Guarda il video delle interviste di Nove Tv sul consiglio comunale aperto tenuto a Donnalucata al quale ha preso parte anche la parlamentare Marialucia Lorefice

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Di seguito il video di Nove Tv con diverse voci raccolte durante il Consiglio comunale aperto che si è tenuto giovedì scorso a Donnalucata sulla Crisi agricola.

 

Grazie al servizio di Nove Tv è possibile ascoltare le interviste ad alcuni dei partecipanti al Consiglio, tra questi la parlamentare del M5S Marialucia Lorefice

 

Fonte: http://www.novetv.com/scicli-consiglio-aperto-crisi-agricola-le-interviste-video/

Crisi agricoltura. Corrao incontra commissario europeo Hogan. “In Sicilia non c’è tempo da perdere. L’Europa dia risposte certe e immediate”- Guarda il video

Palermo 12 aprile 2018 – “In Sicilia, come ho denunciato più volte in Parlamento – ha spiegato Corrao – l’agricoltura sta vivendo una situazione tragica, che ormai è oltre l’emergenza. La scorsa settimana a Vittoria, uno dei centri agricoli più importanti della Sicilia e del Sud Italia, c’è stato l’ennesimo suicidio di un agricoltore, sepolto dai debiti”. Dopo l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao, ha sottoposto le questione relative alla crisi del comparto agricolo siciliano al commissario europeo per l’agricoltura Phil Hogan nel corso dell’audizione Supply Chain tenutasi a Bruxelles in commissione Agri (Agricoltura).

“Quell’agricoltore da anni non riusciva più a vendere i suoi prodotti e ad avere un reddito dignitoso per la sua famiglia – ha spiegato Corrao. Io penso che abbiamo passato ogni limite. Questo suicidio non è il primo e non sarà neanche l’ultimo, se l’Europa continuerà ad ignorare questa crisi sistemica che sta distruggendo l’agricoltura siciliana.

Ma è chiaro che senza un vero intervento di tutti gli attori istituzionali, compresa la Commissione Europea, sarà difficile dare una risposta immediata. Come possiamo dare una risposta agli agricoltori siciliani? In questa direttiva, quali speranze ci sono per dare sostegno e ossigeno immediato all’agricoltura siciliana? Vogliamo dare un senso al gesto estremo di chi ha perso tutte le speranze?” – ha concluso Corrao.

Ecco il resto dell’intervento in commissione Agri

Oggi gli agricoltori siciliani sono schiacciati dalla concorrenza dei Paesi terzi per via degli accordi di libero scambio, ma anche dall’assenza di controlli sui prodotti extra UE che entrano dai porti di tutta Europa e poi vengono spacciati per siciliani bypassando anche i nostri controlli in Sicilia. Un vero e proprio cavallo di Troia che vanifica tutti gli sforzi.

E poi ci sono gli importatori segreti. Oggi chi importa i prodotti extra-UE non ha nome e cognome: la lista degli importatori è coperta da segreto e questo danneggia sia i produttori locali che i consumatori. Ci sono poi le pratiche commerciali scorrette, oggetto della Direttiva, che umiliano i piccoli agricoltori nei confronti dei grandi acquirenti. In Sicilia i piccoli produttori sono costretti a vendere a prezzi bassissimi, che spesso non coprono neanche i costi di produzione. Spesso gli acquirenti non comunicano tempestivamente ai produttori neanche il prezzo di acquisto, ma lo fanno solo dopo, quando avranno e se avranno venduto i prodotti! Così facendo, scaricano tutto il rischio di impresa sui piccoli produttori, che sono diventati la parte più debole della filiera commerciale.

Non dimentichiamoci della GDO, che schiaccia tutti: sia l’industria che gli agricoltori. La GDO opera comportamenti vessatori e strozza i venditori dell’industria con ricatti e meccanismi diabolici, come le “aste on line”, costringendoli a vendere sottocosto. E poi questi ultimi si rivalgono sui piccoli produttori. E’ con “le aste online” che l’industriale vende la pelle del contadino alla GDO. Infine c’è la totale assenza di controllo nei mercati ortofrutticoli, che sono continuamente aperti, senza orari, senza regole, senza procedure certe e stabilite. E questo contribuisce a spingere ancora di più verso il basso i prezzi.

Cosa occorre? Occorre una regolamentazione seria dei mercati ortofrutticoli, come quello di Vittoria, che darebbe più tutela per gli agricoltori, i cui diritti sono stati calpestati. Occorre rafforzare la politica di sostegno alle organizzazioni di agricoltori uniti, occorre rafforzare i controlli che fermerebbero l’invasione silenziosa dei falsi prodotti europei che abbassano i prezzi e favoriscono la speculazione. Occorre intervenire sul potere eccessivo e ricattatorio della GDO.La scorsa settimana ho incontrato il Presidente della Regione Siciliana, per discutere di questi temi, provando a trovare una soluzione per il comparto agricolo siciliano, per il quale è stato certificato lo stato di crisi. Ma è chiaro che senza un vero intervento di tutti gli attori istituzionali, compresa la Commissione Europea, sarà difficile dare una risposta immediata. Come possiamo dare una risposta agli agricoltori siciliani? In questa direttiva, quali speranze ci sono per dare sostegno e ossigeno immediato all’agricoltura siciliana? Vogliamo dare un senso al gesto estremo di chi ha perso tutte le speranze?” – ha concluso Corrao.

L’intervento di Corrao e la risposta del commissario europeo Hogan

https://www.youtube.com/watch?v=h-I1xZvTBZU

Fonte: http://www.ignaziocorrao.it/crisi-agricoltura-corrao-m5s-incontra-commissario-europeo-hogan/

Vittoria e Comiso, Marialucia Lorefice e Ignazio Corrao incontrano produttori e agricoltori

Mattinata intensa per Marialucia Lorefice, deputata uscente e candidata alle elezioni del prossimo 4 marzo e l’europarlamentare Ignazio Corrao, i quali insieme a Marco Zullo, anch’egli eurodeputato, al consigliere di Vittoria Pippo Re, al candidato all’uninominale al Senato Pino Pisani, a Filippo Scerra, candidato nel collegio plurinominale, hanno fatto visita ai produttori del mercato ortofrutticolo di Vittoria.     La seconda tappa è stata la sede del Meetup del M5S di Comiso, anche qui focus del dibattito l’agricoltura, la crisi del comparto e il futuro delle imprese ma anche dei piccoli produttori.

       Mattinata intensa per Marialucia Lorefice, deputata uscente e candidata alle elezioni del prossimo 4 marzo e l’europarlamentare Ignazio Corrao, i quali insieme a Marco Zullo, anch’egli eurodeputato, al consigliere di Vittoria Pippo Re, al candidato all’uninominale al Senato Pino Pisani, a Filippo Scerra, candidato nel collegio plurinominale, hanno fatto visita ai produttori del mercato ortofrutticolo di Vittoria.     La seconda tappa è stata la sede del Meetup del M5S di Comiso, anche qui focus del dibattito l’agricoltura, la crisi del comparto e il futuro delle imprese ma anche dei piccoli produttori. Promotore degli incontri il Meetup del MoVimento 5 Stelle Comiso e in particolare il gruppo di lavoro Agricoltura. «L’iniziativa di oggi -sottolineano gli attivisti- è stata resa possibile grazie ad una persona speciale che non c’è più, il caro amico Vincenzo Bianchini».

Lorefice e Corrao al mercato ortofrutticolo di Vittoria.jpg

         «Quello dell’agricoltura – sottolinea la parlamentare Marialucia Lorefice – è uno dei tanti problemi che il nostro territorio vive vessato dalla crisi, dall’import troppo spesso selvaggio e anche dagli eventi atmosferici estremi che distruggono i raccolti e le produzioni. Fino a ieri quando una violenta grandinata ha scoperchiato molte delle nostre serre. Il nostro programma affronta il problema dell’agricoltura a fondo e lo fa tenendo conto delle necessità di chi lavora nel settore. Incontri come quello di stamani sono indispensabili per poter portare avanti un programma che possa essere non solo credibile ma anche e soprattutto funzionale al territorio e al suo sviluppo. In questi anni ci siamo fatti promotori di proposte di legge, emendamenti, interrogazioni che hanno avuto il solo fine di migliorare le condizioni di lavoro degli agricoltori, risollevare le sorti del comparto agricolo e con esso di tutto il territorio. Siamo intervenuti durante le virosi e per richiedere anche lo stato di calamità naturale. Abbiamo fatto un lavoro sinergico che ha visto coinvolti i portavoce regionali, nazionali ed europei. L’agricoltura è tra i nostri beni più preziosi e va tutelata».

 

L’addetto stampa Valentina Maci Odg 153453         

cropped-88c6d6b4-4acc-4a93-aa09-683bce4a9bdc.jpeg