Pos, nessuna sanzione per i commercianti sprovvisti

Non si fanno sanzioni ai commercianti sprovvisti di Pos fino a quando non verranno abbassate le commissioni sulle transazioni elettroniche. È un principio sacrosanto che ribadiamo da tempo.

Ora lo abbiamo realizzato con un emendamento al decreto fiscale.

Prima di tutto si deve trovare un accordo con le banche sulle commissioni, che entro certi importi andranno AZZERATE, solo poi si può parlare di sanzioni per chi non si adegua al Pos.

ALLUVIONE SICILIA, LOREFICE E PISANI (M5S): “CHIESTO AL GOVERNO LO STATO DI CALAMITA’ E DI EMERGENZA”

“In seguito alle violente alluvioni che hanno colpito nel mese scorso alcuni Comuni delle province di Ragusa, Siracusa e Catania, assieme a un nutrito gruppo di parlamentari siciliani abbiamo inviato una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro e al Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, per chiedere il riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità per i nostri territori”.

E’ quanto dichiarano in una nota la deputata del M5S Marialucia Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati, prima firmataria della lettera e il senatore Pino Pisani, Segretario della Presidenza del Senato. La lettera è stata sottoscritta dai parlamentari Cancelleri, Giarrusso, Marzana, Piera Aiello, Casa, Cantone, Ficara, Martinciglio, Davide Aiello, Cimino, Lombardo, Mollame, Pietro Lorefice, Scerra, Licatini, Anastasi, Saitta, Perconti, Drago, Papiro, Trizzino e Giarrizzo.

“Abbiamo ritenuto necessario informare il Governo in merito ai danni causati dalle avverse condizioni metereologiche che hanno provocato persino due vittime, – spiegano Lorefice e Pisani. -Abbiamo illustrato come il settore agricolo, peraltro già colpito dalla crisi economica, sia stato messo letteralmente in ginocchio, con varie coltivazioni andate distrutte a causa degli straripamenti, serre divelte e molti animali deceduti”.

 “I primi sopralluoghi effettuati – scrivono i parlamentari nelle lettere – hanno stimato 350 milioni di euro di danni per il solo comparto agricolo; cifre destinate a crescere man mano che le amministrazioni comunali e la protezione civile effettueranno ulteriori verifiche. Inoltre, questa ondata di maltempo di straordinaria portata ha provocato danni ad abitazioni, infrastrutture ed attività commerciali”.

“Auspichiamo, pertanto, un sollecito intervento del Governo a supporto di tante famiglie, onesti lavoratori e aziende che hanno subito ingenti danni materiali ed economici, così da consentire una ripresa rapida delle attività ed il ripristino della regolare condizione dei trasporti e delle infrastrutture”. Concludono Lorefice e Pisani 

 

Giovanni Spampinato, a Ragusa convegno in memoria

#GiovanniSpampinato era un giovane giornalista, corrispondente del quotidiano L’Ora e L’Unità.

Veniva ucciso 47 anni fa per il suo le sue inchieste, che davano fastidio. A sparargli fu Roberto Campria, figlio dell’allora presidente del tribunale di Ragusa.

Sul suo omicidio, a distanza di tantissimi anni, ci sono ancora aspetti poco chiari.

Il convegno di ieri, dal titolo “Giovanni Spampinato. Una vita per la verità a 47 anni dall’assassinio”, fortemente voluto dal senatore Pino Pisani, in collaborazione con la Regione Siciliana, il Comune di Ragusa, il Centro Studi Feliciano Rossitto, Libera, Cgil e ANPI, ha voluto essere un omaggio Giovanni, mai ricordato come avrebbe meritato.

Ripristinarne la memoria è un dovere di tutti. Lo dobbiamo a lui, alla famiglia e a tutti quelli per i quali ha combattuto attraverso il suo coraggioso lavoro.

Aste giudiziarie, stamani incontro tra i parlamentari Pisani e Lorefice e il Prefetto di Ragusa.

Si è tenuto ieri mattina presso l’ufficio del prefetto di Ragusa, dott.ssa Filippina Cocuzza l’incontro con il Senatore Pino Pisani e l’on. Marialucia Lorefice. Focus sulle aste giudiziarie e sugli ultimi casi, in ordine di tempo, che sono finiti sulle prime pagine della cronaca ragusana. “In seguito all’impegno che ci eravamo presi di incontrare il prefetto di Ragusa –affermano Pisani e Lorefice- oggi ha avuto luogo l’incontro preannunciato. Un incontro dai toni cordiali, durante il quale abbiamo affrontato il problema molto serio, e in molti casi drammatico per gli esiti che ne sono conseguiti, delle aste giudiziarie. Anche da questo incontro è emerso chiaro come il grave problema delle aste giudiziarie sia in particolare diffuso e concentrato nella zona iblea. Purtroppo molte famiglie si trovano con cadenza quasi quotidiana, seppur con situazioni diverse, a confrontarsi con la perdita della prima abitazione o della propria impresa.

Sempre dal confronto con Sua Eccellenza il prefetto di Ragusa, sono emerse alcune specificità delle aste dove qualcosa evidentemente non sta funzionando se immobili con valore anche alto finiscono svenduti a prezzi vili.

Non abbiamo intenzione di abbassare l’attenzione su questo drammatico fenomeno. Certo i casi –evidenziano i parlamentari del M5S- non sono tutti uguali, ne siamo certi, ma non si può non attenzionare quelli in cui risulta evidente la discrasia tra un possibile debito iniziale anche di minimo conto e la perdita della propria casa. Una volta partito il ‘viaggio’ di queste famiglie nell’intricato mondo delle aste non sempre si finisce per venirne a capo nel modo più corretto ed è proprio questo che dobbiamo evitare.

Il prossimo passo sarà chiedere un incontro al presidente del tribunale di Ragusa. Chiederemo anche la possibilità di istituire un tavolo ministeriale che possa valutare misure d’intervento”.

Studenti disabili, via libera al decreto inclusione

La disabilità non riguarda solo la persona, riguarda anche il contesto sociale in cui questa persona vive e studia. Se il contesto è senza barriere e più ricco di opportunità, cambia il modo in cui questa persona vivrà la disabilità.

È un cambio di passo fondamentale👇

https://is.gd/VEm9RQ

A PUNTA CIRICA L’INIZIATIVA DEL M5S ISPICA PER SENSIBILIZZARE AL RISPETTO DELL’AMBIENTE 

La spiaggia di Punta Cirica, con le sue suggestive spiagge, incantevoli insenature, grotte, è certamente una delle più belle di tutta la Sicilia.
Qui, il meetup di Ispica ha organizzato una giornata di sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente, iniziativa alla quale hanno preso parte attivisti, un gruppo di volontari e le parlamentari iblee Marialucia Lorefice e Stefania Campo.
“Punta Cirica è uno degli emblemi della nostra città-evidenzia il meetup- e la sua bellezza rischia di essere messa a repentaglio a causa dell’incuria di certe persone che trattano l’ambiente come se non gli appartenesse. Abbiamo raccolto plastica, bottiglie di vetro, persino un frigorifero e la carcassa di uno scooter, abbiamo riempito ben 86 sacchi di spazzatura, differenziandoli opportunamente.
Ciò deve farci riflettere sul fatto che sono innanzitutto le nostre azioni quotidiane a poter fare la differenza, attraverso un atteggiamento attento e responsabile verso l’ambiente. L’uomo ha per sua vocazione un rapporto contrastato con la natura, l’apprezza ma non sempre la rispetta. Ma le conseguenze di questa incuria sono destinate a ritorcersi contro di noi. E non possiamo più permettercelo. 
L’iniziativa di oggi ci ha permesso di vedere coi nostri occhi ciò di cui siamo responsabili”.
“La giornata odierna promossa dal meetup di Ispica è stata un momento di partecipazione attiva dei cittadini, e s’inserisce nell’ambito delle iniziative plasticfree che stiamo realizzando in tutta Italia. È un importante aiuto che diamo all’ambiente”, così le parlamentari Marialucia Lorefice e Stefania Campo che proseguono:”I temi ambientali, a noi particolarmente cari, rappresentano una delle più grandi sfide per l’uomo e per il futuro. Così come ha più volte evidenziato il ministro Costa, tutti dobbiamo assumerci la responsabilità di lasciare ai nostri giovani e alle generazioni future un mondo più sostenibile e culturalmente più ricettivo alle necessità dell’ambiente. Questo è l’obiettivo che accompagna la nostra azione di Governo. Dobbiamo agire ora, e il nostro impegno è massimo. Concludono”.