Nelle scuole italiane si insegnerà anche l’educazione ambientale

Il piano nazionale firmato dai ministri dell’Istruzione e dell’Ambiente Marco Bussetti e Sergio Costa prevede l’introduzione dell’educazione ambientale nelle scuole di ogni ordine e grado.

In tutte le scuole d’Italia presto si insegnerà anche l’educazione ambientale. È l’impegno che hanno sottoscritto oggi i ministri dell’Istruzione, dell’università e della ricerca Marco Bussetti e il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, firmando un’intesa che prevede un piano nazionale per promuovere l’educazione ambientale nelle scuole italiane di ogni ordine e grado per sensibilizzare bambini e ragazzi, fin da giovanissimi, su temi come la sostenibilità ambientale e la qualità dello sviluppo.

Il progetto è quello di creare dei percorsi educativi strutturali, dunque permanenti, con uno stanziamento di 1,3 milioni destinati alle istituzioni scolastiche. Oltre all’insegnamento delle norme di educazione ambientale e alla messa in pratica di progetti e attività pratiche su iniziative autonome delle scuole, il piano prevede anche programmi di formazione e aggiornamento per i docenti e per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario delle scuole.

Il piano nazionale di educazione ambientale prevede anche interventi per la qualificazione e riqualificazione degli spazi educativi e degli edifici scolastici, nel rispetto della sostenibilità ambientale e di una migliore efficienza energetica. Saranno promosse azioni e iniziative che favoriscano lo sviluppo di esperienze scuola-lavoro nel settore della green-economy ed esperienze didattiche sul campo, come per esempio viaggi d’istruzione in contesti naturali come aree protette italiane e aree di interesse naturalistico.

Formare una cittadinanza attiva

Un progetto che mira a creare una cittadinanza attiva, spiega il ministro dell’Istruzione Bussetti: “Faremo tutto il necessario per potenziare l’offerta e fornire la migliore formazione possibile. Senza sostenibilità non c’è futuro e noi dobbiamo essere sicuri di aver fornito a ogni bambino e ragazzo un’educazione di qualità anche su questi temi. È un lavoro che faremo facendo squadra con gli enti, le associazioni e le istituzioni che mettono da anni le proprie competenze al servizio dei nostri giovani e condividono con noi questa responsabilità e questa missione”.

Formazione è la parola chiave anche per il ministro Costa: “Noi dobbiamo fare in modo che chi si affaccia alla vita, come i bambini qui presenti oggi, abbia subito un pensiero ambientale, visto che la nostra generazione ha fallito su questo. Formare nell’ambiente vuol direcostruire il futuro del nostro pianeta. E noi, con questo protocollo con il Miur, vogliamo permettere che i ragazzi possano seguire questo percorso, ma soprattutto essere costantemente al fianco del Ministero dell’Istruzione per realizzare insieme il cambiamento”.

Tra i due ministeri esistono già altre forme di collaborazione, come il protocollo dedicato alla sensibilizzazione dei ragazzi sull’importanza della tutela dell’ambiente marino e costiero, che prevede anche la collaborazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Una delle prime iniziative in cantiere nell’ambito di questo nuovo protocollo riguarda invece il World Cleanup Day del 22 settembre 2019, per il quale alle scuole sarà chiesto di elaborare campagne di comunicazione, spot video o radiofonici e contenuti per i social network sui temi dell’utilizzo della plastica e dell’importanza del riciclo.

Di Simone Santi Fonte: https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/educazione-ambientale-scuola

EDUCAZIONE STRADALE, ONLINE I PROGETTI DEL #MIT DEDICATI AGLI STUDENTI

Dal 16 ottobre al 16 novembre 2018 gli istituti scolastici🏫 potranno accedere al portale, consultare i progetti e scaricare tutta la documentazione disponibile per organizzare i percorsi formativi.

Sul portale💻 http://www.edustrada.it infatti, sono online i materiali didattici📚 dei progetti di educazione stradale 🚗🚲🛵realizzati dalla Direzione generale per la sicurezza stradale per tutti gli studenti👩🏻‍💻👨‍💻, dalle elementari alle superiori.

Qui▶️ https://goo.gl/yhiqhR

Scuola, il Governo mira alla cancellazione delle ‘classi pollaio’ e ad incrementare il tempo pieno nel Meridione

“Ascolto e confronto afferma la presidente della Commissione Affari Sociali alla Camera, on. Marialucia Lorefice-, è questo che che facciamo nei fine settimana quanto ritorniamo sui territori, sulle tematiche più diverse, ma tutte ugualmente importanti.

Oggi e domani incontrerò degli insegnanti. Ascolterò le loro istanze e le sottoporrò ai colleghi delle commissioni di merito, i quali, insieme al governo, sono al lavoro per dare soluzioni.

Tra le misure che il M5S sta portando avanti c’è il tempo pieno al sud e la cancellazione delle cosiddette ‘classi pollaio’.

Questi sono due degli obiettivi della prossima legge di bilancio”.

Ispica, la presidente della Commissione Affari Sociali incontra i cittadini. Tra le problematiche affrontate i diritti dei disabili e dei lavoratori, degli insegnanti

Stamattina, ad #Ispica, ho incontrato dei cittadini che mi hanno sottoposto diverse problematiche.

Alcune potrebbero essere di facile soluzione, ma purtroppo, accade spesso che persino le cose apparentemente più semplici possono rivelarsi farraginose se non si viene adeguatamente indirizzati o informati. E ciò rappresenta una difficoltà ancor più grande quando si parla di persone con #disabilità che necessitano di risposte certe, in tempi certi.

Ho ascoltato storie molto delicate, di battaglie in difesa del sacrosanto diritto al #lavoro.

E ho incontrato una delegazione di insegnanti, le cui istanze verranno sottoposte ai portavoce della commissione di merito. Un grande Paese deve puntare sull’istruzione perché è dal nostro livello d’istruzione che dipendono il futuro delle prossime generazioni e lo sviluppo dell’Italia.

Vogliamo una scuola inclusiva e innovativa, insegnanti motivati e valorizzati, edifici sicuri.

Comunicato stampa del Consiglio dei ministri n. 3

Fonte: http://www.governo.it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-3/9545

Comunicato stampa del Consiglio dei ministri n. 3

12 Giugno 2018

Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, martedì 12 giugno 2018, alle ore 20.40 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente, Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti.

*****

NOMINA DEI SOTTOSEGRETARI DI STATO

Il Consiglio dei ministri ha nominato 45 Sottosegretari di Stato, nei limiti imposti dalla legge.

Di seguito la lista relativa alle nomine:

Presidenza del Consiglio dei ministri

on. Guido GUIDESI, sen. dott. Vincenzo SANTANGELO, on. Simone VALENTE (Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta);

on. dott. Mattia FANTINATI (Pubblica amministrazione);

on. Stefano BUFFAGNI (Affari regionali e autonomie);

on. dott.ssa Giuseppina CASTIELLO (Sud);

sig. Vincenzo ZOCCANO (Famiglia e disabilità);

pres. Luciano BARRA CARACCIOLO (Affari europei);

sen. Vito Claudio CRIMI (Editoria);

on. Vincenzo SPADAFORA (Pari opportunità e giovani);

Affari esteri e cooperazione internazionale

on. dott. Emanuela Claudia DEL RE

on. dott. Manlio DI STEFANO

sen. dott. Ricardo Antonio MERLO

on. dott. Guglielmo PICCHI

Interno

sen. Stefano CANDIANI

dott. Luigi GAETTI

on. dott.Nicola MOLTENI

on. dott. Carlo SIBILIA

Giustizia

on. dott. Vittorio FERRARESI

on. avv.Jacopo MORRONE

Difesa

on. dott Angelo TOFALO

on. Raffaele VOLPI

Economia e finanze

on. dott Massimo BITONCI

on. dott.ssa Laura CASTELLI

on dott. Massimo GARAVAGLIA

on. dott Alessio Mattia VILLAROSA

Sviluppo Economico

sen. dott Andrea CIOFFI

on. Davide CRIPPA

on. dott Dario GALLI

prof. Michele GERACI

Politiche Agricole alimentari e forestali

on. dott. Franco MANZATO

dott.ssa Alessandra PESCE

Ambiente, tutela del territorio e del mare

on. Vannia GAVA

on. Salvatore MICILLO

Infrastrutture e Trasporti

sig. Michele DELL’ORCO

on dott. Edoardo RIXI

sen Armando SIRI

Lavoro e le politiche sociali

on. Claudio COMINARDI

on. Claudio DURIGON

Istruzione, Università e Ricerca

prof. on. Lorenzo FIORAMONTI

prof. Salvatore GIULIANO

Beni e attività Culturali e il turismo

sen. dott.ssa Lucia BORGONZONI

on. dott. Gianluca VACCA

Salute

prof. Armando BARTOLAZZI

on.  dott .Maurizio FUGATTI

*****

Il Consiglio dei ministri è terminato alle ore 21.10 di ieri

Nasce la Rousseau Open Academy: partecipa subito!

L’ntervento di Davide Casaleggio in piazza della bocca della verità sabato 2 giugno

Se siamo qui, oggi è perchè tutte le volte che ci hanno detto “è impossibile”, noi non gli abbiamo creduto. È perché tutte le volte che ci hanno detto “siete destinati a sparire”,noi li abbiamo ignorati. È perché tutte le volte che ci hanno detto “inseguite utopie”, noi abbiamo pensato che non ci fosse altro da inseguire. Ed oggi, qui, ne siamo la prova.

In molti mi chiedono “come avete fatto?”. Chi nel mondo ci guarda, si chiede come sia iniziato tutto questo e come sia stato possibile. La verità è che abbiamo iniziato per combattere un’ingiustizia e difendere una persona che il sistema mediatico aveva deciso di allontanare. E nel dare la parola a questa persona, abbiamo dato la parola a milioni di persone. Ed allora quello che sembrava impossibile è diventato possibile.

Impossibile riportare una persona isolata dal sistema mediatico a parlare al grande pubblico. Impossibile organizzare una manifestazione in piazza raccogliendo centinaia di migliaia di firme senza l’aiuto dei media, ma solo con la rete. Impossibile creare un movimento scegliendo i propri candidati online tra cittadini incensurati e liberi e, partecipare per la prima volta alle elezioni politiche, ricevendo un quarto dei voti del paese. Impossibile anche solo immaginare un ministro della democrazia diretta Impossibile portare una forza politica, fino a pochi anni fa definita come “altri”, ad ottenere 11 milioni di voti diventando – oggi – forza di governo.

Se siamo qui è soprattutto grazie alla grande partecipazione di tutto un MoVimento, alla volontà di cambiare in meglio questo Paese e a tutti quelli che hanno sempre dato senza pretendere per forza qualcosa in cambio. Credendo tutti insieme nel cambiamento, lo siamo diventati. Ora possiamo pensare a nuovi orizzonti.

La consapevolezza dei propri diritti di cittadinanza digitale si sta alzando come una marea in giro per il mondo. Una nuova condizione che travalica i confini dello Stato e che appartiene a tutti noi. Un nuovo tipo di diritti e di strumenti che acquisiscono un valore quanto più è partecipato il loro utilizzo. Oggi gli strumenti per esercitare questi diritti non sempre sono accessibili, ma quando cominciamo ad usarli poi li pretendiamo. Proprio come quelli che abbiamo creato per Rousseau.

Chi usa Rousseau non vuole più rinunciare a poter proporre o discutere le leggi, a scegliere i propri candidati, a creare iniziative sul proprio territorio. Il contratto di governo che abbiamo sottoscritto contiene un punto in questa direzione: “introdurre il principio della cittadinanza digitale dalla nascita, prevedendo l’accesso gratuito alla rete internet per ogni cittadino.” Un primo passo verso il riconoscimento di una nuova serie di diritti che stiamo iniziando a scoprire anche grazie a Rousseau.

Una piattaforma che continueremo a sviluppare sempre di più con la vostra partecipazione e che oggi si è aperta ad una nuova dimensione: la Rousseau Open Academy.

La sfida è creare anche questa volta qualcosa che non è mai stato fatto e per molti impossibile: costruire una comunità internazionale che, attraverso strumenti di intelligenza collettiva e di democrazia diretta, sia in grado di definire e condividere il concetto di cittadinanza digitale e consentire così a tutti i cittadini di esercitare a pieno i propri diritti.

E con RousseauOpenAcademy.com ci apriamo al mondo creando uno spazio per tutti coloro che vogliano mettersi a disposizione degli altri per creare questa conoscenza, ma anche per tutti quelli che, invece, vogliano offrirsi per diffonderla.

La rete è stata la nostra opportunità. La relazione tra saperi e persone la nostra ricchezza. Mettere il cittadino al centro, la nostra forza. Mio padre diceva che con significato, volontà e immaginazione si sarebbe potuto creare una nuova realtà che prima non sembrava possibile. Oggi ne abbiamo la prova. Oggi una stella in cielo brilla più delle altre. Grazie a tutti noi

+++ SCOPRI ROUSSEAU OPEN ACADEMY +++

Fonte: https://www.ilblogdellestelle.it/m/2018/06/nasce_la_rousseau_open_academy_iscriviti_subito.html