#IoDicoNo da Pozzallo. Parola al popolo il 4 dicembre. Non sbagliamo #informazioneèlibertà

Una domenica a Pozzallo per capire e andare a fondo ad una pseudo-riforma

incomprensibile e demagogica.

Non votare confusa/o, non farti ingannare. Il cuore della riforma è la ‘liquidazione’ della democrazia. Potere accentrato. Caos legislativo. 

Mentono ai cittadini perché ci temono. “In democrazia il politico che mente ha una colpa gravissima. Vogliono fare sparire i cittadini dalla scena politica. Li temono. È un atto di pirateria riformare così la Costituzione. Dopo il 4 non ci sarà più modo di tornare indietro”
 Vogliono tenere lontani i cittadini, facciamo in modo di proteggere il cuore della democrazia, teniamo lontana la malafede che distrugge la libertà. 

La politica liquida non esiste, la Costituzione è concretezza
Con Marialucia Lorefice, Chiara Scala, Carmelo Maltese, Mario Michele Giarrusso. A Pozzallo, Sala Meno Assenza. 

L’obiettivo del M5S è rappresentare i cittadini. “Renzi è venuto il Aula mentre si votava la Riforma Costituzionale. Non solo non si fida neanche dei suoi ma il tutto si traduce nell’attaccamento alla poltrona”

Costituzione alla mano vi spieghiamo cosa non va nella Riforma

#Informazioneèlibertà
“Non dare niente per scontato, ciascuno ha un dovere. Votare consapevole”

#passaparola #iodicono

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=441749505949415&id=193464954111206 (guarda la diretta fb)

#IoDicoNo da Pozzallo

Parola ai cittadini: “La scelta non è partitocratica ma dalla necessità di salvaguardare i diritti e la sovranità del popolo. Non si possono avere dubbi. La Costituzione non può essere toccata per leggi opportunistiche. A rischio è la libertà del popolo”


REFERENDUM #IODICONO

Il 6 ottobre

ad Ispica (RG) durante la festa provinciale di LiberEtà organizzata dallo SPI-CGIL di Ragusa abbiamo discusso del #ReferendumCostituzionale, abbiamo sostenuto le ragioni del No.

La Costituzione è espressione della sovranità, la Costituzione siamo tutti noi!

#IoDicoNo #4Dicembre2016

Referendum dall’Estero: come votare

Al referendum costituzionale del 4 dicembre potrà votare anche chi vive temporaneamente all’estero e non è iscritto all’AIRE. Lo prevede l’articolo 4 della legge 459/2001. Per ottenere questo diritto, bisogna compilare un modulo (scaricalo qui) e poi inviarlo per posta, fax, mail anche non certificata, all’Ufficio elettorale del Comune di residenza con allegata una copia di un documento d’identità valido. Questa possibilità è estesa anche al familiare dell’elettore a cui viene riconosciuto il diritto di voto all’estero.
Leggi i dettagli su http://www.beppegrillo.it/m/2016/09/referendum_costituzionale_ecco_come_puo_votare_chi_e_allestero.html