Comuni, Lorefice (M5S): “Più qualità e più servizi per gli Enti locali con la Legge di Bilancio 2020”

“Gli Enti locali tornano a respirare e, con essi, territorio e cittadini che avranno a disposizione più servizi di maggiore qualità, grazie alle nuove misure contenute nella Legge di Bilancio 2020”. Lo dichiara la presidente della Commissione Affari Sociali alla Camera, Marialucia Lorefice (M5S), che prosegue:

 “Innanzitutto incrementeremo  la dotazione annuale del Fondo di solidarietà comunale (FSC), di 100 milioni di euro per il 2020, di 200 milioni per il 2021, di 300 milioni per il 2022, di 330 milioni nel 2023 e di 560 milioni a decorrere dal 2024, finalizzandolo ad introdurre un meccanismo correttivo nel riparto del Fondo.

Inoltre -continua Lorefice-, ai Comuni interessati, per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022, andranno destinati 110 milioni di euro a ristoro del minor gettito dovuto all’introduzione della TASI nel 2013. 

Viene, poi, demandata ad un decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, da adottare entro il 28 febbraio 2020, la definizione delle modalità e dei criteri per la riduzione della spesa per interessi dei mutui a carico degli enti locali, anche prevedendo l’accollo e la ristrutturazione degli stessi da parte dello Stato. 

Per le isole minori, istituiamo un Fondo per gli investimenti, con una dotazione di 14,5 milioni di euro per il 2020, 14 milioni per il 2021 e  13 milioni per il 2022. Il Fondo è diretto a finanziare progetti di sviluppo infrastrutturale o di riqualificazione del territorio, con interventi nei settori dell’energia, dei trasporti e della concorrenza, diretti a migliorare la qualità della vita nelle piccole isole.

 La ripartizione è effettuata con decreto del Ministro per gli affari regionali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, previo parere favorevole della conferenza unificata.


Raddoppiamo passando da 5 a 10 milioni,  i finanziamenti destinati al Fondo nazionale integrativo per i comuni montani a partire dal 2020 e incrementiamo il Fondo di solidarietà comunale di 2 milioni di euro annui, per il triennio 2020-2022, destinato ai comuni montani fino a 5.000 abitanti“.

“Con queste misure, numerose e variegate, il nostro Governo dimostra ancora una volta di essere dalla parte dei sindaci e di non trascurare le esigenze di alcun territorio nel nostro Paese.” Conclude Lorefice

Fondo sostegno vittime di gravi infortuni sul lavoro: 6 milioni di euro in tre anni

6 milioni di euro in tre anni per il fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro.

Nel 2020 le risorse destinate al fondo aumentano di un milione di euro, per salire a quota due milioni nel 2021 e a 3 milioni nel 2022.

Un aiuto concreto per i familiari delle vittime di infortuni e incidenti mortali sul lavoro, seppur nella consapevolezza che niente potrà alleviare il dolore per la perdita di un congiunto.

Fondo per la disabilità, più 30 milioni nel 2020

Aumentiamo la dotazione del Fondo per la disabilità e la non autosufficienza di ulteriori 30 milioni nel 2020.

Complessivamente la dotazione del Fondo sarà pari a 80 milioni di euro nel 2020, 200 milioni nel 2021 e 300 milioni euro annui a decorrere dal 2022.

Qui 🔜 https://is.gd/XDpide

Rapporto Pit, Lorefice (M5S): “Il nostro Governo lavora per superare le criticità”

Ieri, intervenendo alla presentazione del XXII Rapporto PIT SALUTE di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, ho sottolineato come il nostro governo, a differenza dei precedenti, finalmente sia tornato a investire sulla salute.

A nostro avviso, infatti, i finanziamenti in sanità non devono mai essere visti come un costo, perché permettono al nostro sistema sanitario di rimanere un’eccellenza, che garantisce ai cittadini l’accesso alle cure e alle prestazioni.

Come dimostrato dal Rapporto Pit, purtroppo, le zone d’ombra non mancano, ma siamo al lavoro per affrontarle e superarle, con molteplici interventi che vanno dalle liste d’attesa, alle misure per lo sblocco del turn over e assunzioni, fino al tentativo di ridurre la mobilità sanitaria, con l’auspicio che mai nessuno sia costretto a rinunciare alle cure.

Lorefice (M5S):”Domani a Ragusa l’incontro con il dep. Comm. Lavoro, già Sottosegretario  Claudio Cominardi”

Si terrà domani a Ragusa, in via Eugenio Criscione Lupis 63 (angolo via Mongibello) alle 20.30 il “Sicilia Tour. Team del Futuro Progetto Lavoro” con Claudio Cominardi, dep. Comm. Lavoro, già Sottosegretario.

“Domani sera, insieme al Dep. Comm. Lavoro, già Sottosegretario Claudio Cominardi, si terrà un importante incontro, focus su lavoro e famiglia. Discuteremo di: Riorganizzazione del M5S; progetto futuro del lavoro e famiglia; valorizzazione del territorio; cittadinanza attiva; opportunità per la Sicilia” dichiara la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice-. Un altro importante appuntamento in questa settimana che ci vede impegnati in provincia di Ragusa, evidenza della nostra attenzione al territorio ibleo”.

LOREFICE (M5S): “In arrivo 1 milione e 300 mila euro ai Comuni iblei per i prossimi 5 anni per opere di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile”

“Per 5 anni, dal 2020 al 2024, anche i Comuni iblei potranno usufruire dei finanziamenti del Governo inseriti nella Legge di Bilancio 2020 per interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.” E’ quanto dichiara la deputata del M5S Marialucia Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, che spiega:

“Alla nostra provincia sono garantiti 1 milione e 300 mila euro annui così ripartiti in base al numero di abitanti: 170.000 euro ai comuni di Modica, Ragusa e Vittoria; 130.000 euro ai comuni di Comiso e Scicli; 90.000 euro ai comuni di Acate, Ispica, Pozzallo e Santa Croce Camerina; 70.000 euro al comune di Chiaramonte Gulfi e 50.000 euro ai comuni di Giarratana e Monterosso Almo.

Il Governo – aggiunge Lorefice – ha voluto rendere strutturale la cosiddetta ‘Norma Fraccaro’, (articolo 30 del decreto Crescita), che aveva previsto lo stanziamento di complessivi 500 milioni di euro per il 2019, assegnati ai Comuni in funzione del numero dei residenti, finalizzati alla realizzazione di opere di efficientamento energetico. 

Per godere del beneficio relativo al 2019 le amministrazioni comunali devono avviare i progetti entro il 31 dicembre di quest’ anno, pena la decadenza del contributo. Nel’ Decreto Crisi’ abbiamo prorogato, infatti, di due mesi la scadenza iniziale fissata al 31 ottobre.

Per il nuovo anno, e fino al 2024, abbiamo previsto la messa a regime di questa misura.

I Comuni – specifica la deputata M5S – potranno destinare le risorse a uno o più interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica, nonché all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Per quanto riguarda, invece, lo sviluppo territoriale sostenibile e la mobilità sostenibile, si potrà intervenire sull’ adeguamento e la messa in sicurezza di scuole ed altri edifici pubblici e sull’abbattimento delle barriere architettoniche.   

Salvo modifiche che potranno intervenire durante l’iter di approvazione della Legge di Bilancio in Parlamento, i comuni potranno accedere al finanziamento annuo erogato dal Ministero dell’Interno a tre condizioni: che i lavori inizino entro il 15 settembre di ciascun anno di riferimento del contributo; che non siano già finanziati integralmente da altri soggetti; che gli stessi siano aggiuntivi rispetto a quelli da avviare nella prima annualità dei programmi triennali di lavori pubblici.

Sono certa che le amministrazioni comunali della nostra provincia non si lasceranno sfuggire l’opportunità di accedere alle risorse messe a disposizione dal Governo per offrire concrete risposte ai bisogni de cittadini, migliorare la qualità della loro vita e tutelare l’ambiente.

Investire nello sviluppo sostenibile vuol dire aiutare i territori a far ripartire l’economia, creando nuova occupazione.” Conclude Lorefice