Bapr, Sottosegretario Villarosa (M5S) rassicura azionisti: “Presto soluzioni” All’incontro con la delegazione azionisti Bapr anche l’on. Lorefice

  “Da parte del sottosegretario Villarosa –sottolinea l’on. Lorefice- vi è massima disponibilità ad analizzare queste proposte e lo stesso si è impegnato a riconvocare il tavolo già nei prossimi giorni al fine di trovare soluzioni proficue”

“Ringrazio il sottosegretario Alessio Villarosa per la pronta disponibilità con cui ha accolto oggi presso il Ministero dell’Economia e Finanze una delegazione del comitato dei piccoli risparmiatori della Banca Agricola Popolare di Ragusa”: è quanto dichiarato dall’on. Marialucia Lorefice presidente della Commissione Affari Sociali presso la Camera dei Deputati.

Presenti all’incontro di oggi anche i parlamentari Maria Marzana, Paolo Ficara, Eugenio Saitta, Stanislao Di Piazza e Giuseppe Pisani, Stefania Campo deputata regionale Ars e l’eurodeputato Ignazio Corrao.

A far parte del comitato dei piccoli risparmiatori della Bapr ricevuto dal Sottosegretario  Villarosa sono stati: Salvo Barrano, Vincenzo Cutrera, Giovanni Di Blasi, Franco Iemolo, Salvatore Rando e Corrado Vizzini  .

“Abbiamo ascoltato –afferma la Lorefice- i componenti del comitato e le loro preoccupazioni anche in riferimento alle ultime disposizioni normative italiane ed europee che hanno mutato in questi ultimi anni la regolamentazione della compravendita di azioni delle banche popolari e il riacquisto delle stesse e preso atto delle difficoltà e delle proposte degli azionisti che ringraziamo per gli spunti interessanti sui quali lavorare.

Da parte del sottosegretario Villarosa –sottolinea l’on. Lorefice- vi è massima disponibilità ad analizzare queste proposte e lo stesso si è impegnato a riconvocare il tavolo già nei prossimi giorni al fine di trovare soluzioni proficue. Prossimamente –conclude la presidente della Commissione Affari Sociali – incontreremo il management della Banca Agricola Popolare di Ragusa con l’obiettivo di fare incontrare le parti nella tutela sia della banca che degli azionisti e risparmiatori.”

Giornale di Sicilia-articolo del 22-01-2019 di Francesca Cabibbo

 

 

 

 

“Fatti di Canapa” dalla tradizione all’innovazione. Convegno a Ragusa un incontro per affrontare l’argomento

Di Marialucia Lorefice

“Fatti di canapa. Dalla tradizione all’innovazione. I mille utilizzi della canapa” è il titolo de convegno organizzato oggi dal #M5S #Ragusa.

Occasione per approfondire gli aspetti scientifici, tecnici e industriali della canapa.

Col mio intervento, ho illustrato, invece, gli aspetti prettamente legislativi dell’argomento, le proposte presentate già la scorsa legislatura, le criticità normative presenti ancora nella legge 242/2016 e le risoluzioni oggetto approfondimento delle commissioni congiunte XII (Affari sociali) e XIII (agricoltura).

Ringrazio il meetup di Ragusa, i consiglieri comunali e tutti gli intervenuti per questo momento di confronto.

Articolo del quotidiano La Sicilia del 21-01-2019

Sanità, Giulia Grillo risparmia due miliardi migliorando il servizio

Di Jacopo Fo

19dicembre2018

Prima delle ultime elezioni con http://www.peopleforplanet.it lanciammo una raccolta di firme per ottenere che anche in Italia le farmacie vendano le medicine nel numero esatto previsto dalla ricetta medica. Da decenni fanno così in Usa e in Germania. Francia, Spagna e Svizzera stanno adottando lo stesso metodo. Un risparmio enorme per i cittadini e lo Stato, meno pericoli dovuti ai cassetti pieni di medicinali scaduti o assunti senza una prescrizione medica. Quando è diventata ministro Giulia Grillo sono aumentate le nostre speranze che questa piccola riforma andasse in porto perché lei nella passata legislatura era la prima firmataria di una proposta di legge in tal senso. E una volta tanto un ministro ci ha stupiti andando ben oltre le nostre speranze. Giulia Grillo infatti sta mettendo mano all’insieme del sistema dei medicinali, un ginepraio nel quale spariscono cifre da capogiro.

La prima questione che ha affrontato con uno staff di specialisti è quella della validità dei farmaci. La semplice verifica della reale efficacia dei farmaci, secondo criteri scientifici, porterà a un notevole risparmio ed eviterà ai pazienti di assumere medicamenti inutili e quindi potenzialmente dannosi. C’è poi la questione assurda dei farmaci che sono doppioni di altri. Si tratta del 70% dei farmaci, un migliaio di prodotti. Ad esempio sono in commercio 21 antidepressivi con prezzi ben diversi uno dall’altro. Discorso parallelo sui farmaci che hanno una formula chimica diversa ma effetti equivalenti. Su questo punto il ministero conta di ottenere risparmi ingenti per lo Stato ma anche per i cittadini, attraverso una campagna di informazione; infatti gli italiani spendono di tasca loro un miliardo all’anno per comprare medicinali di marca che sono fotocopie di medicinali più economici e che di più hanno solo il prezzo.

Chiara Daina, sul Fatto Quotidiano, spiega bene come una simile riforma sia complessa perché prevede di attivare le Regioni che sono gli enti che pagano direttamente le medicine e che dovrebbero modificare le modalità di acquisto. Alcune Regioni hanno spese per i farmaci molto alte, altre hanno iniziato a razionalizzare: “Un altro successo lo ha portato a casa il Piemonte, che quest’anno grazie al meccanismo delle gare ha risparmiato oltre 41 milioni di euro solo sui maggiori farmaci utilizzati, con una riduzione media di prezzo del 67%. In alcuni casi la spesa si è ridotta fino al 99%: per il bosentan (un antipertensivo) e l’imatinib (un antitumorale), i cui costi unitari sono scesi rispettivamente da 2.210 a 27 euro e da 1.907 a 24 euro. Il trastuzumab (un altro antitumorale) invece è passato da 565 a 163 euro (-71%); l’adalimumab (un antinfiammatorio), da 866 a 293 euro (-66%)”.

È veramente incredibile che la Regione Piemonte sia riuscita ad abbassare così tanto il prezzo di alcuni farmaci. C’è da chiedersi cosa abbiano combinato gli amministratori precedenti e che combinino quelli che tutt’ora continuano a pagare farmaci a peso d’oro. E in questo campo si otterranno ulteriori risparmi riuscendo a organizzare gare con la partecipazione di tutte le Regioni: maggiori acquisti vogliono dire prezzi più bassi!

Sono anni che si tenta la riforma del prontuario dei farmaci ma ogni tentativo è stato invalidato dalla resistenza delle case farmaceutiche. Non sarà facile ma finalmente vediamo all’opera la logica artigianale delle piccole riforme, che vanno a cambiare meccanismi che non infiammano le piazze e non esaltano i media ma sono sostanziali. È comunque un peccato che questa iniziativa, datata 10 dicembre, abbia trovato così poco spazio sui media. E già che ci siamo segnalo l’inizio di una campagna che segue questa filosofia Shangai di incominciare a cambiare le cose partendo dalle più facili. Abbiamo fondato il movimento dei Pink Bloc, come i Black Bloc ma più gentili. Il nostro primo bersaglio sono state le cattiverie verso i pendolari e i viaggiatori in genere, delle Ferrovie dello Stato. Un commando dei Pink Bloc ha danzato in tutù rosa di fronte alla sede romana delle Ffss, sulle note delle sonate romantiche di Chopin, cercando così di muovere a un sentimento di dolcezza gli uomini e le donne che dirigono questa azienda. Un passo di danza vi convertirà all’amore!

Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/12/19/sanita-giulia-grillo-risparmia-due-miliardi-migliorando-il-servizio/4848319/

85 milioni di euro di privilegi della casta tagliati per i terremotati

Di Luigi Di Maio

Oggi, la commissione Bilancio a Montecitorio ha approvato un emendamento fortemente voluto dal MoVimento 5 Stelle che destina al Fondo per la ricostruzione delle aree terremotate del Centro Italia gli 85 milioni di euro di risparmi derivanti dai tagli anti-casta alla Camera dei deputati.

Un risultato ottenuto riducendo le spese delle segreterie, tagliando assurde indennità di carica, auto e alloggi di servizio, spese telefoniche e altre assurdi privilegi che nessuno prima di noi ha mai avuto il coraggio di toccare. Dopo il taglio dei vitalizi, un’altra splendida notizia!

Molto presto questa somma sarà trasferita al commissario per la ricostruzione e si aggiungerà alle somme già stanziate. Una conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che sprechi e privilegi per anni hanno tolto soldi e risorse che potevano essere destinati a chi ne aveva davvero bisogno, anziché foraggiare i soliti ingordi! Questa è giustizia sociale e continueremo ad applicarla ovunque sarà possibile!

Sono orgoglioso di far parte di questa squadra e anche tu, che ci sostieni ogni giorno, devi esserlo! Forza!

Fonte: https://www.ilblogdellestelle.it/2018/11/85-milioni-di-euro-di-privilegi-della-casta-tagliati-per-i-terremotati.html

Lorefice: “Al centro dell’azione di Governo ci sono le famiglie”

Oggi ho ricevuto i rappresentanti dell’ ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE NUMEROSE ANFN, i quali, dati Istat alla mano, hanno sottolineato come ci sia un peggioramento dell’incidenza della povertà assoluta nelle famiglie con più figli minori.

Hanno lanciato, quindi, un appello al Parlamento e al Governo affinché si presti una maggiore attenzione all’articolo 31 della Costituzione che richiede allo Stato di avere “particolare riguardo per le famiglie numerose”.

L’Associazione ha formulato alcune proposte in merito alla ridefinizione dell’#ISEE, agli assegni familiari, gli incentivi al consumo, la contribuzione figurativa per le mamme che perdono o sono costrette a lasciare il proprio lavoro fuori casa.

Tante misure potrebbero offrire una forma di incoraggiamento alla natalità e un sostegno concreto a tante famiglie che si sentono abbondonate dallo Stato.

Il nostro #Governo, che ha già istituito un #ministerodellafamiglia , è molto sensibile a queste tematiche e sta studiando interventi mirati a consentire in primis alle donne di conciliare i tempi della famiglia con quelli del lavoro, anche attraverso servizi e sostegni reddituali adeguati e agevolazioni quali rimborsi per asili nido e baby sitter, fiscalità di vantaggio, tra cui “IVA a zero” per prodotti neonatali e per l’infanzia.

Come istituzioni siamo consapevoli che senza bambini viene meno la società, pertanto in questa legislatura lavoreremo per dare attuazione alle misure già previste nel contratto di Governo a sostegno delle #famiglie.

ON.LOREFICE: “BENE TEMPESTIVO INTERVENTO MINISTRO SALUTE SU ORDINE MEDICI DI CATANIA”

Ringrazio il Ministro della Salute Giulia Grillo per essersi tempestivamente attivato nell’acquisire la documentazione in merito alle riprovevoli vicende che hanno coinvolto il presidente dell’Ordine dei medici Chirurghi e Odontoiatri di Catania, Massimo #Buscema, sul quale sono in corso indagini penali della Magistratura.

Sulla questione il 27 giugno ho presentato insieme ad altri colleghi del #M5S un’interrogazione che potete leggere qui ⏩: https://bit.ly/2NNiPau

Il Ministro, rispondendo alla mia interrogazione, ha spiegato che esistono i presupposti per il commissariamento dell’Ente. Nel rispetto della normativa vigente resta, pero’, in attesa della decisione della #FNOMCeO, necessaria per procedere all’atto di scioglimento.

Potete approfondire su Quotidiano sanità: ⏩: https://bit.ly/2p8kt8E

Ecco la risposta del ministro alla mia interrogazione.